domenica 1 novembre 2015

Le mie ricette filosofiche


Inauguro, con questo post, una nuova sezione del blog dedicata a delle gustose ricette di piatti dolci e salati. Ho intitolato questa rubrica 'ricette filosofiche' perchè si tratta di ricette che celano una scelta, una scelta di coerenza. Coerenza con cosa? Beh, ovviamente con l'essere filosofi. Se, come ho già avuto modo di dire in questo blog, la filosofia non è una teoria, ma una pratica, non è un dire, ma un fare, allora dobbiamo essere filosofi in ogni momento della nostra vita, dobbiamo essere, in quanto filosofi, coerenti con quelli che abbiamo riconosciuto essere principi fondamentali.
E poiché inoltre, come ho già detto, la filosofia per sua natura si spinge in ogni angolo della nostra esistenza, allora non dovrebbe apparirci strano che in quanto filosofi ci interroghiamo anche su ciò che serbiamo nelle nostre dispense, cioè sul cibo che mangiamo.
A dire il vero, in altre epoche lo stile di vita e le proprie abitudini alimentari non costituivano aspetti separati dalla filosofia; pensiamo per esempio a Pitagora e all'obbligo per tutti i pitagorici di astenersi dal consumare carne. Ugualmente molti altri filosofi accolsero la scelta vegetariana, e come loro anche alcuni Padri della Chiesa, come per esempio San Girolamo.
Su questi e altri filosofi avrò modo di parlare ancora in modo approfondito in altri post. Intanto devo dire che, nel mio caso, non è stata la filosofia a condurmi verso un rapporto più consapevole con il cibo, verso una certa disciplina alimentare, ma piuttosto precise circostanze personali: ho sposato un uomo vegano, che ama cucinare per me e così mi si è spalancato davanti un mondo nuovo, che conoscevo solo dall'esterno e superficialmente. Solo in un secondo momento ho interrogato la filosofia al riguardo. A questo punto voglio precisare che io non sono vegana, né vegetariana, non ho compiuto la scelta etica che sta alla base di questo stile di vita, una scelta fondamentale, e non sono sicura che un giorno la farò. Mi capita ancora di nutrirmi di alimenti di origine animale. Tuttavia devo anche riconoscere che seguendo spesso un'alimentazione vegana la mia vita è cambiata, in un modo che mi dà benessere, fisico e psichico. Ho scoperto come prendermi il piacere del cibo senza sacrificare il mio desiderio di stare bene, e di sentirmi in armonia con me stessa e con il mondo che mi circonda. Mi sono domandata se non si trattasse di una semplice suggestione e ho capito che non lo è. Inoltre la riflessione su questo tipo di scelta alimentare mi ha portato, giocoforza, a riflettere su altre questioni connesse, prettamente filosofiche, come il mio rapporto con la terra, con l'universo tutto (oggi diremmo con il pianeta), con gli altri esseri viventi, e, essendo io credente, anche con Dio e i suoi insegnamenti. Così è stato naturale per me volgermi indietro ed interrogare i filosofi del passato. Come si erano comportati loro a questo proposito? Qualcuno di loro si era chiesto, come molti fanno oggi, cosa è giusto mangiare e cosa no? Cosa è giusto per noi stessi, che, come diceva Anassagora, diventiamo quello che mangiamo, ma anche per le altre creature della terra. Mi torna in mente a questo proposito quanto ha scritto in “Mangiar Sano e Naturale”(un manuale di consapevolezza alimentare) il suo autore Michele Riefoli, parlando degli animali. Questi sanno sempre cosa mangiare e cosa no, e lo sanno da subito, senza il bisogno che qualcuno glielo insegni. E' l'istinto che li guida. La loro natura si impone e li guida senza dubbi. E difatti non sbagliano mai. Parlo di animali che vivono allo stato libero, non di quelli allevati e nutriti dall'uomo. Siamo davvero sicuri che a noi sia preclusa questa possibilità? Di lasciarci guidare dall'istinto e dalla nostra natura nello scegliere cosa mangiare o no? Ancora una volta ho interrogato la filosofia.
La mia ricerca in questo senso è ancora in corso, perché ho scoperto che tanti sono i punti di vista dei filosofi del passato e del presente, e ci saranno, su questo blog, diversi post in cui affronterò questi argomenti. Per il momento mi interessa unicamente accennare a questa tematica, poiché mi offre l'occasione di aprire una piccola finestra su un nuovo modo di vivere il piacere del cibo, un modo in cui trova spazio il rispetto per noi stessi, prima di tutto, e per il mondo in cui viviamo in secondo luogo.
Non si vuole qui fare una critica a chi consuma un certo tipo di alimenti, o a chi non ha fatto una scelta vegana (lo ripeto, io stessa non mi astengo in modo assoluto dal consumare carne e pesce e alimenti di origine animale). Ma il tema delle abitudini alimentari e le problematiche ad esse legate sono diventate ormai terribilmente attuali; penso all'importanza di prenderci cura del nostro corpo, ma anche all'importanza di proteggere la terra e l'ambiente in cui viviamo. Penso allo spreco di cibo di cui spesso siamo autori più o meno consapevoli (a questo proposito proprio in questi ultimi mesi sta prendendo sempre più piede l'iniziativa di distribuire nelle scuole, soprattutto nella primaria, dei sacchetti lavabili individuali con cui i bambini possono conservare e portare a casa il cibo non consumato a mensa. Si tratta delle iniziative sono la “Good Food Bag” di Legambiente e “La mensa che vorrei” di Cittadinanzattiva), penso ai vantaggi di cui tutta l'umanità e ogni forma vivente potrebbe godere grazie ad una pratica più coscienziosa degli allevamenti di animali, ecc. Come può un filosofo non considerare lo stato del nostro pianeta e del nostro corpo, non interrogarsi su come si può fare per migliorare le cose e magari sforzarsi di farlo. Quello che voglio qui ribadire è che i miei, ancora parziali e saltuari tentativi di fare tutte queste cose mi hanno portato un donato benessere interiore.
E' certo che così come sin dall'antichità ci sono stati filosofi che hanno abbracciato la scelta vegetariana, così ve ne sono stati altri che l'hanno osteggiata, come del resto accade anche oggi. Ognuno ha diritto alle sue personali posizioni e convinzioni. Personalmente trovo incoerente quantomeno ignorare il problema, ed esimersi dal prendere una posizione al riguardo. Questo è quello che ho fatto anche io finora, laddove invece avrei dovuto interrogarmi molto tempo fa, non solo in quanto studiosa di filosofia, ma anche in quanto cristiana e credente, e in quanto essere umano dotato della capacità di ragionare e valutare. Non solo in quanto filosofi, infatti, ci viene chiesto di esprimerci su queste importanti tematiche, ma anche semplicemente in quanto uomini. Figuriamoci in quanto credenti. Per questo ho iniziato a pretendere da me stessa maggiore coerenza, e attraverso i post di questa rubrica vorrei interrogarmi circa tali questioni.
Buona lettura e ... buon appetito!


Nessun commento: